Un mare di Artemisia di Mark Dantzker

L’iconica steppa di artemisia del Nordamerica è molto più dell’ambientazione di un vecchio western: è l’unico habitat del pianeta per un ecosistema apparentemente delicato, una vasta wilderness di 650 km quadrati che, ad un secondo sguardo, brulica di vita. Scopriamola insieme al regista/produttore Mark Dantzker.

Il sogno di una zona umida di John Antonelli

John Antonelli, regista di Il sogno di una zona umida, ha la fortuna di fare cortometraggi per il Goldman Environmental Prize (www.goldmanprize.org). La pellicola viene utilizzata nelle cerimonie di premiazione a San Francisco e Washington DC e poi compone un programma televisivo di mezz'ora per la PBS negli Stati Uniti, poi sottoposto anche a Festival cinematografici. Per girare Il sogno di una zona umida ogni giorno, lui e la troupe si svegliavano prima dell'alba e viaggiavamo nelle paludi su una piccola barca.

Australia selvaggia – una giungla del giurassico di Thoralf Grospitz and Jens Westphalen

Jens Westphalen, regista, insieme a Thoralf Grospitz, di Australia selvaggia- una giungla del giurassico, ci racconta la sua avventura. "Il nostro film "Giungla giurassica" è parte della serie Wild Australia che ha richiesto più di tre anni di riprese. Ai tropici, la "Giungla giurassica", abbiamo  girato, in totale, oltre sei mesi.

Pagine

Benvenuti al Sondrio Festival

Sondrio Festival è una rassegna internazionale unica nel suo genere, dedicata principalmente ai documentari naturalistici, di alto livello scientifico e cinematografico, realizzati nei parchi naturali e aree protette di tutto il mondo. Dal 1987 si svolge ogni anno a Sondrio, in ottobre, nel corso di una settimana.

Le opere presentate in concorso sono selezionate fra le migliori produzioni mondiali: nell'albo d'oro del Festival figurano registi provenienti da ogni parte del pianeta e personalità famose nel settore del documentario naturalistico.

Possono anche essere previste ulteriori sezioni tematiche del Festival per i documentari realizzati in aree naturali che evidenzino problemi legati all'ambiente, alla sua conservazione, alle attività umane, all’agricoltura e allo sviluppo sostenibile.

La Giuria Internazionale del Festival è composta da documentaristi, produttori, naturalisti, gestori dei parchi e giornalisti.

Obiettivi del Festival sono la diffusione della cultura dei parchi, delle aree protette e della salvaguardia dell'ambiente, l'educazione ambientale e la promozione/valorizzazione del documentario naturalistico.

Sono coinvolti nel corso di una settimana un vasto pubblico e i ragazzi delle scuole che hanno l'opportunità di confrontarsi con documentaristi, naturalisti e amministratori dei parchi.

Oltre alle proiezioni dei documentari in concorso, con la presenza degli autori (in anteprima serale, con repliche al mattino e al pomeriggio per scuole e famiglie), sono in programma convegni, mostre, spettacoli, incontri e attività di educazione ambientale per le scuole.